sabato 19 gennaio 2008

Neocon e teocon. Il ruolo della religione nella vita pubblica statunitense

Flavio Felice
Neocon e teocon. Il ruolo della religione nella vita pubblica statunitense
Rubbettino, 2006

Quarta di copertina

I neocon hanno constatato negli ultimi trent'anni un devastante declino del senso morale negli americani, e hanno attribuito tale fenomeno al processo di secolarizzazione. Di conseguenza, hanno ritenuto necessario porre l'enfasi sulla nozione di virtù pubblica come componente essenziale dello sviluppo della civiltà occidentale, le cui fondamenta sarebbero rintracciabili nei valori della tradizione religiosa ebraico-cristiana.

Se l'epressione neocon riferita alla sfera della politica nasce come un insulto, la sua estensione in ambito teologico , non gode di migliore genealogia. Con particolare riferimento alla componente cattolica, il neoconservatorismo religioso viene normalmente rappresentato in termini caricaturtali come una sorta di "cappellanato", supinamente asservito al "conservatorismo". Se questa è l'accusa proveniente dagli ambienti religiosi progressisti, le critiche che provengono dalla destra non sono certo più tenere. Infatti, la destra cattolica americana considera i Catholic neocons (teocon) il "cavallo di Troia" che minaccia di espugnare la fortezza conservatrice. "Ebbene", afferma Weigel, "questa non rappresenta la visione che noi abbiamo di noi stessi".

Nessun commento: